Lowry, “Sotto il vulcano”

MALCOLM LOWRY – “Sotto il vulcano” – Feltrinelli

Il Console, questo personaggio inevitabilmente e perdutamente amato dai lettori di Lowry, è il protagonista di una tragedia che si preannuncia nelle prime pagine del libro e che si compie rapidamente nelle ultime. Quello che è richiesto e imposto al lettore da uno stile trascinante e lussureggiante è di seguire il succedersi degli eventi che si snodano lenti, che indugiano, che rallentano fino a fermarsi per dar luogo a splendide divagazioni. Quello che è chiesto al lettore è di condividere lo sguardo ubriaco del Console sul mondo, sulla realtà, uno sguardo di volta in volta lucidissimo o visionario, disperato, rassegnato o, persino, ingenuo. La strada, amarissima, verso la disillusione è costellata da momenti di rara intensità emotiva e lirica.

 Si giunge, certo, alla fine e la strada è stata talmente dura, che per affrontarla è stata necessaria la sosta in mille rifugi, nelle cantine, nei bicchieri, in mezzo al calore di altra e sconosciuta umanità. Ci sono scrittori che raccontano la vita senza mai riuscire a farla amare. Lowry ci porta nel baratro della dissoluzione, disseminando il percorso di mille istanti vivi, di mille sogni felici, di mille immagini emozionanti che, da sole, valgono il viaggio.

Leave a Reply